L’universo elegante. Superstringhe, dimensioni nascoste e la ricerca della teoria ultima.

L’universo elegante. Titolo calzante per il libro del professore della Columbia University di New York City, Brian Greene. Un saggio scientifico scritto da uno dei più grandi esperti sulla Teoria delle stringhe(M-theory*), ipotesi che pone alla base della natura e delle forze(gravitazionale, elettromagnetica, nucleare forte e debole) le stringhe e le loro vibrazioni, capace di unificare la relatività generale con la meccanica quantistica.

Il professore Greene traccia una linea del tempo in cui descrive la natura delle cose per i fisici del primo ‘600, passando per Einstein, Planck ed Heisenberg, per terminare con le scoperte dell’entourage di Gabriele Veneziano e tutti gli altri pionieri in materia. Con questa periodizzazione della fisica e della matematica il docente della Columbia University Di New York, riesce a descrivere la Teoria delle super-stringhe attraverso modelli matematici come gli spazi di Calabi-Yau*, spazi che comprendono un mondo multidimensionale dove l’eleganza dell’intrinsicità delle cose sconvolge il nostro modo di pensare. Non si parla più dello spazio immobile di Newton né di un tempo che scorre inesorabile dal passato verso il futuro, ma si parla piuttosto di tasselli della materia che generano qualsiasi cosa, in un contesto non più tri o quadridimensionale ma ad undici dimensioni*. Sarebbe meraviglioso, se non di più, pensare che la materia di cui noi siamo fatti non è più un arzigogolato complesso di microparticelle puntiformi, ma una banalissima composizione di vibrazioni provocate dalle stringhe. Come sottolinea Greene, queste sono ancora speculazioni, dal momento che un mondo di dimensioni avviluppate l’una sull’altra come lo spazio di Calabi-Yau è percepibile con strumenti che arrivano a farci vedere corpi(se si può parlare di tali) dell’ordine della lunghezza di Planck*, i quali, per inciso, dovrebbero avere un ampiezza pari a quella della Via Lattea non del minuscolo LHC*( Large Hadron Collider).

L’idea è tanto semplice quanto elegante: pertanto stupefacente.

Matteo Russo, I D

*Per saperne di più sulla M-theory, visitare l’URL qui accanto:http://it.wikipedia.org/wiki/M-teoria

*Rappresentazione tridimensionale dello Spazio di Calabi-Yau


the attachments to this post:

dreammachine
dreammachine

stringhe copertina
stringhe copertina

dreammachine
dreammachine

dreammachine
dreammachine

Superstringhe
Superstringhe


Comments are closed.